Aziende Vinicole e Bevande

Aziende Vinicole e Bevande

Aziende Vinicole e Settore Bevande

Per il lavaggio e la disinfezione di cisterne, botti, linee di imbottigliamento e bottiglie oltre alla possibilità di produrre vino senza solfiti. L’utilizzo di acqua ozonata e di ozono in forma gassosa, permette di evitare o di ridurre drasticamente l’uso di chimica, inoltre per il lavaggio/disinfezione si avrebbe un risparmio energetico (no uso di acqua calda) e risparmio di acqua in oltre il 60%. Senza parlare poi dell’assenza di impatto ambientale che si avrebbe. Infatti l’impiego di ozono nel settore delle bevande (vino, birra, succhi di frutta e acque minerali) riduce o elimina le fasi di risciacquo con acqua potabile e previene l’eccessivo uso di acqua, inoltre diminuisce il carico organico delle acque di lavaggio, non porta alla formazione di Trialometani come il cloro e migliora l’efficienza degli impianti di trattamento delle acque di scarico; è un sistema non corrosivo di Sanificazione privo di odori sgradevoli che vengono eliminati. In sintesi, i vantaggi per il settore del vino (mutuabili anche nel beverage in
generale) si possono riassumere in:

  • Maggior semplicità nel processo
  • Risparmio di acqua
  • Risparmio di energia (nel caso di impiego di vapore o acqua calda)
  • Risparmio di tempo
  • Risparmio di prodotti chimici (ad es. acido perossiacetico)
  • Eliminazione degli odori
  • Riduzione delle possibilità di contaminazione del vino o di alterazione dei processi di vinificazione e  conservazione per avvenuta contaminazione (e relativa riduzione di scarti)
  • Miglioramento dei rapporti con gli organi di controllo
  • Ritorno in termini di immagini nei confronti dei consumatori

In merito al trattamento delle macchine imbottigliatrici sono stati effettuati dei test sulle macchine confrontando l’acido perossiacetico con l’acqua ozonizzata; questi hanno dimostrato che vi è una differenza di riduzione decimale mediamente due ordini di grandezza, a favore del trattamento con ozono, che determina anche molti casi con carica residua nulla. La percentuale di abbattimento della carica è stata pari al 99.9999% passando da 1.435 UFC/mL del testimone a 0,0012 UFC/mL del campione. É stato poi dimostrato che l’ozono è efficace anche sulle bottiglie nei pochi secondi del tempo di sciacquatura. Per la conservazione dei grappoli è stato dimostrato che i grappoli esposti all’interno di confezioni microporose a una temperatura di 0 c° a concentrazioni di 0.1 L per litro di ozono, resistono al deterioramento come quelli trattati con biossido di zolfo, ossia un tempo quattro volte superiore dei  grappoli non trattati.